Privacy e Cloud Computing: le Istruzioni per l’Uso del Garante


L’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, composta da Francesco Pizzetti, Giuseppe Chiaravalloti, Mauro Paissan e Giuseppe Fortunato, ha presentato il 23 giugno 2011 la Relazione sul quattordicesimo anno di attività e sullo stato di attuazione della normativa sulla privacy.


Oggi ci occupiamo della parte, a nostro parere, più interessante: quella relativa al Cloud Computing.

Garante dixit:

Il cloud e i trattamenti massivi di dati: il rischio di smarrirsi nella nuvola

Le tecnologie cloud consentono di trattare e conservare i dati su sistemi di server dislocati nelle diverse parti del pianeta e sottoposti, nella loro inevitabile materialità, a molti rischi, da quelli sismici a quelli legati a fenomeni di pirateria, non solo “informatica”, o ad atti di terrorismo o a rivoluzioni imprevedibili.

Recenti episodi, come quelli verificatisi nei server di una grande società di servizi (Aruba), colpiti da incidenti fisici per fortuna di portata limitata, danno concretezza a questi pericoli.

Crescono i pericoli legati alla perdita e al furto di enormi quantità di dati, come già si è verificato in sistemi legati alla diffusione di giochi elettronici (Sony).

Si amplia il numero dei soggetti che intervengono nell’ambito di trattamenti così complessi e disarticolati.

Neutralità della rete, obbligo di denunciare le serious breaches, necessità di ridefinire le responsabilità nell’ambito di catene complesse di trattamento dei dati: ecco alcuni titoli di una tematica sempre più vitale per le nostre società, per il nostro sviluppo economico, per la nostra libertà e convivenza democratica.

Le imprese e gli operatori a cui il mercato offre questi nuovi servizi pensano soprattutto alla diminuzione di costi o alle opportunità di costante ammodernamento che queste tecnologie consentono, prestando scarsa attenzione al fatto che comportano la perdita del possesso fisico dei dati e dei programmi operativi che utilizzano.

Di qui l’urgenza e l’importanza di un salto di qualità nella consapevolezza dei fenomeni.

La Scheda di Documentazione del Garante

Cloud Computing: Indicazioni per l’utilizzo consapevole dei servizi.

Annunci

Un pensiero su “Privacy e Cloud Computing: le Istruzioni per l’Uso del Garante

  1. Have you ever thought about writing an e-book or guest authoring on other blogs?
    I have a blog based upon on the same information you discuss and would really
    like to have you share some stories/information.
    I know my audience would enjoy your work. If you’re even remotely interested, feel free to shoot me an e mail.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...