Diritto all’oblio anticipato da una sentenza della Cassazione


” (…) predisposizione di un sistema idoneo a segnalare (nel corpo o nel margine) la sussistenza di un seguito o di uno sviluppo della notizia e quale esso sia stato (…), consentendone il rapido ed agevole accesso da parte degli utenti ai fini del relativo adeguato approfondimento», questo il nuovo obbligo a carico dei gestori di archivi e database di non facile gestione imposto dalla recente sentenza n°5525, del 5 aprile 2012 della Cassazione. 

In sostanza: nel caso in cui la notizia di cronaca sia:

  • collocata nell’archivio storico della testata online e
  • resa disponibile tramite l’intervento dei motori di ricerca

allora il «titolare dell’organo di informazione» deve provvedere a curarne anche la messa a disposizione della contestualizzazione e aggiornamento.

Fatti

Durante gli anni di Tangentopoli, un assessore di un comune dell’hinterland milanese veniva arrestato e in seguito prosciolto dalle accuse di corruzione. La notizia del suo arresto in data 22 aprile 1993 è tuttora riportata nell’archivio storico del Corriere della Sera all’indirizzo http://www.corriere.it

L’ex assessore si era così rivolto prima al Garante della privacy cui aveva chiesto il blocco dei dati personali che lo riguardavano contenuti nell’articolo “incriminato”, quindi al tribunale di Milano. Sia l’uno sia l’altro gli avevano dato torto. 

L’intervento della Cassazione

La Cassazione cancellava la sentenza del tribunale milanese. La Corte pur prendendo atto che:

  • non esiste un profilo di diffamazione o lesione alla reputazione (la notizia, a quell’altezza di tempo, è vera e pertanto non ha senso discutere su una rettifica)
  • non ha senso confinare l’articolo in area non indicizzabile dai motori di ricerca (esiste ancora una rilevanza pubblica della notizia, visto che l’uomo viene definito come un possibile candidato a una delle prossime tornate elettorali o comunque papabile per un incarico non elettivo),

argomenta che la notizia, proprio perché vera in un determinato contesto temporale, ha bisogno di essere aggiornata, in questo caso con la conclusione del procedimento giudiziario che condusse all’arresto:

«Così come la rettifica è finalizzata a restaurare l’ordine del sistema informativo alterato dalla notizia non vera (che non produce nessuna nuova informazione), del pari l’integrazione e l’aggiornamento sono invero volti a ripristinare l’ordine del sistema alterato dalla notizia (storicamente o altrimenti) parziale».

Che fare, dunque?

Il Titolare del trattamento (in questo caso la società editoriale) deve pertanto provvedere all’aggiornamento delle informazioni attraverso la 

  • predisposizione di un sistema idoneo a segnalare (nel corpo o nel margine) la sussistenza di un seguito o di uno sviluppo della notizia e quale esso sia stato (…), 
  • consentendone il rapido ed agevole accesso da parte degli utenti ai fini del relativo adeguato approfondimento”.

All’aggiornamento deve provvedere il titolare dell’archivio e non il motore di ricerca perché quest’ultimo è, nella lettura della Corte, un semplice intermediario telematico “che offre un sistema automatico di reperimento di dati e informazioni attraverso parole chiave“.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...