Smart o Professional? I nuovi Servizi di Studio Mazzolari

Studio MazzolariSemplificazione nell’elevata Tutela

Sviluppare soluzioni personalizzate e flessibili per soddisfare ogni tipo di esigenza, fornire assistenza professionale di assoluta qualità ed affidabilità: questa la nostra Mission.

Dopo il nuovo recente inasprimento delle sanzioni privacy, Studio Mazzolari propone i nuovi Servizi SmartConsulting® e ProfessionalConsulting® per l’adeguamento di Aziende, Studi Professionali ed Enti Pubblici alle misure di sicurezza minime e necessarie previste dal DLgs 196/2003 (Codice privacy), dai più recenti Provvedimenti del Garante oltre che dalle Normative di settore.

Smart o Professional? Le nostre Soluzioni personalizzate

LightWeight Icon

SmartConsulting®

Consigliata per Piccole Imprese, la soluzione SmartConsulting® consente l’adeguamento alla normativa privacy in tempi brevi e a costi contenuti. Vai all’Offerta

product_performance_report_icon_1

ProfessionalConsulting®

Principalmente rivolta a PMI ed Enti Pubblici, la soluzione ProfessionalConsulting® garantisce la presenza di un nostro Professionista sia nella fase iniziale di checkup e raccolta informazioni, sia nella messa a regime del Modello Privacy da noi predisposto. Vai all’Offerta

 

Inoltre: desideri finanziare il Nostro Intervento?

iStock_000002266764Small

Le attività realizzate da Studio Mazzolari sono finanziabili attraverso l’accesso a Fondi legati alla Legge n 236/93 o ai Fondi Paritetici interprofessionali (Fpi), in relazione al fabbisogno formativo proprio del Cliente.

Per saperne di più: la nostra Formazione finanziata

 

 

Annunci

L’attività ispettiva del Garante privacy: telemarketing e profilazione a rischio

GaranteVarato anche il piano ispettivo per il primo semestre 2013

395 ispezioni, circa 3 milioni e 800 mila euro le somme riscosse a seguito di sanzioni. Un bilancio significativo quello riguardante l’attività ispettiva svolta dal Garante privacy nel 2012.

Gli accertamenti, effettuati anche mediante il contributo delle Unità Speciali della Guardia di finanza – Nucleo speciale privacy, hanno riguardato:

  • il telemarketing,
  • l’uso dei sistemi di localizzazione (gps)  nell’ambito del rapporto di lavoro,
  • i nuovi strumenti di pagamento gestiti dalle compagnie telefoniche (mobile payment), 
  • il credito al consumo e le “centrali rischi”,
  • le banche dati del fisco,
  • l’attività di profilazione dei clienti da parte delle aziende.

 

cloud-privacy_tLe sanzioni

Per quanto riguarda le sanzioni amministrative, sono stati avviati 578 procedimenti (con un incremento del 61% rispetto al 2011) che hanno riguardato, in larga parte:

  • la omessa informativa,
  • il trattamento illecito dei dati,
  • il mancato rispetto delle norme in materia di telemarketing,
  • la conservazione eccessiva dei dati di traffico telefonico e telematico,
  • la mancata adozione di misure di sicurezza,
  • l’omessa o mancata notificazione al Garante,
  • l’inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità.

L’incremento è dovuto, in particolare, all’attività di contrasto delle violazioni nel settore del telemarketing.

56 sono state le segnalazioni all’autorità giudiziaria (con un incremento del 51% rispetto al 2011), in particolare per violazioni connesse:

  • al controllo a distanza dei lavoratori,
  • all’accesso abusivo a banche dati,
  • alle misure di sicurezza,
  • alla falsità nelle dichiarazioni al Garante.

Per quanto riguarda le misure di sicurezza sono state impartite 18 prescrizioni nei confronti di diversi soggetti, pubblici e privati.

Le somme riscosse dall’erario a seguito di sanzioni sono state 3.769.217 di euro, con un aumento rispetto all’anno precedente del 22%.

 

2815884-16x9-340x191Il piano ispettivo del primo semestre 2013

Il piano ispettivo varato per il primo semestre 2013 punta su settori di particolare rilevanza:

  • le banche dati pubbliche in particolare di enti previdenziali e dell’amministrazione finanziaria,
  • l’attività di telemarketing da parte dei call center operanti all’estero,
  • il trattamento dei dati per il fascicolo sanitario elettronico,
  • i nuovi strumenti di pagamento gestiti dalle compagnie telefoniche (mobile payment),
  • le “centrali rischi”.

 

privacy_alertGli accertamenti delle GdF e i principali Adempimenti privacy

200 gli accertamenti ispettivi programmati che verranno effettuati anche in collaborazione con il Nucleo speciale privacy della Guardia di finanza.

A questi accertamenti si affiancheranno quelli che si renderanno necessari in ordine a segnalazioni e reclami presentati e le altre verifiche per accertare il rispetto dei principali adempimenti previsti dalla normativa quali:

  • le informative da fornire ai cittadini sull’uso dei loro dati personali,
  • la corretta acquisizione del consenso da richiedere nei casi previsti dalla legge,
  • l’adozione delle misure di sicurezza,
  • il rispetto dell’obbligo di notificazione al Garante.

 

Controlli sui pc aziendali si, ma nel rispetto di precise regole

computer-worker (1)Una società non può controllare il contenuto del pc di un dipendente senza averlo prima informato di questa possibilità e senza il pieno rispetto della libertà e della dignità del lavoratore.

Questa la decisione del Garante sul ricorso presentato da un dipendente che era stato licenziato senza preavviso dalla propria azienda. L’uomo si era rivolto sia alla magistratura ordinaria, per contestare la stessa fondatezza dell’accusa e il relativo licenziamento, sia al Garante per opporsi alle modalità con cui la società avrebbe acquisito e trattato i suoi dati.

Dai riscontri dell’Autorità è emerso che una serie di documenti, sulla base dei quali il datore di lavoro aveva fondato la sua decisione, erano contenuti in una cartella personale del pc portatile assegnato al lavoratore. La società vi aveva avuto accesso quando il dipendente aveva riportato il computer in sede per la periodica operazione di salvataggio dei dati (back up) aziendali. Contrariamente a quando affermato dall’impresa, non risulta però che l’uomo fosse stato informato:

  • sui limiti di utilizzo del bene aziendale,
  • né sulla possibilità che potessero essere avviate così penetranti operazioni di analisi e verifica sulle informazioni contenute nel pc stesso.

 

An immigrant walks past graffiti in an AthensLe condizioni di liceità del controllo datoriale

Il Garante ha ribadito che il datore di lavoro può effettuare controlli mirati al fine di verificare l’effettivo e corretto adempimento della prestazione lavorativa e, se necessario, il corretto utilizzo degli strumenti di lavoro.

Tale attività, però, può essere svolta solo nel rispetto della libertà e della dignità dei lavoratori e della normativa sulla protezione dei dati personali che prevede, tra l’altro che alla persona interessata debba essere sempre fornita un’idonea informativa sul possibile trattamento dei suoi dati connesso all’attività di verifica e controllo.

Il Garante ha quindi vietato alla società ogni ulteriore utilizzo dei dati personali così acquisiti. Sarà invece l’autorità giudiziaria a valutare l’utilizzabilità nel procedimento civile già in corso della documentazione acquisita agli atti.