Manager della privacy, verso una norma UNI per la professione


privacy-officerChi sono i manager responsabili della sicurezza e della privacy nelle aziende?

Di fatto, le persone che supervisionano le procedure e verificano i sistemi di gesione dei dati? Una domanda più che lecita fino a ora. Visto che non esiste, almeno in Italia o in Europa, una normativa condivisa e regole comuni che disciplinino queste figure professionali. Ma ancora per poco. Forse.

Sembra, infatti, che finalmente la situazione di stallo si stia sbloccando: sono giunti segnali forti dal Consiglio d’Europa, che ha dato il via libera all’apertura dei negoziati finali per arrivare all’approvazione del nuovo regolamento entro l’anno; inoltre, in ambito di normazione tecnica, è appena partita ufficialmente l’inchiesta pubblica preliminare per arrivare alla pubblicazione di una Norma UNI in grado di definire i profili delle figure professionali che si occupano di privacy.

Negli Stati Uniti e in altre nazioni, il privacy officer è una figura molto ricercata specialmente dalle aziende che si occupano di ecommerce, o il cui core business è incentrato sui dati personali, come quelle dei settori marketing e sanità. L’Europa, invece, attende da Bruxelles l’approvazione di un nuovo regolamento sulla protezione dei dati che introdurrà tale figura nei 28 Stati membri. Intanto diversi Paesi si muovono in ordine sparso: 15 nazioni hanno previsto in varie forme il privacy officer nei loro ordinamenti, altre impongono alle imprese l’obbligo di nominarlo, altre ancora prevedono agevolazioni per chi decide di avvalersene. Tra queste Germania, Francia, Ungheria, Polonia e Slovacchia, ma non l’Italia.

Federprivacy, associazione di categoria professionale, fa notare come le nazioni dove il privacy officer è previsto dagli ordinamenti locali, «siano anche quelle dove il commercio online produce fatturati maggiori, come in Francia e in Germania, dove vale rispettivamente 56,8 e 70 miliardi di euro annui, anche se la regina europea degli acquisti online è il Regno Unito con 122 miliardi».

«In Italia solo il 4% delle imprese vende online prodotti e servizi, per un valore di 13 miliardi di euro annui, mentre i privacy officer sono ancora pochi, circa 1.000 quelli associati a Federprivacy, e poco più di 200 quelli certificati dal TÜV Examination Institute» sottolinea Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy.

Tornando all’iter avviato per la definizione di una normativa Uni, grandi imprese e associazioni di categoria potranno inviare fino al prossimo 2 Luglio i loro commenti, in qualità di stakeholders, tramite il sito di UNI con la possibilità di partecipare al tavolo dei lavori (Codice Progetto E14D00036).

La prossima riunione per il progetto di norma relativo alle figure professionali esperte di privacy all’Ente Italiano di Normazione si terrà il 16 luglio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...