Schiaffo a Facebook: la Corte Ue blocca l’accordo con gli Usa sullo scambio di dati.


I singoli Stati dell’Unione Europea potrebbero fermare il trasferimento dei dati degli iscritti europei a Facebook verso server situati negli Stati Uniti.

È quanto ha stabilito la Corte di giustizia europea accogliendo le conclusioni dell’avvocato generale della Corte. È stata quindi dichiarata invalida la decisione della Commissione Ue del 2000 secondo cui gli Stati Uniti garantiscono un adeguato livello di protezione dei dati personali.

La causa era stata presentata contro Facebook nel 2011 da Max Schrems, cittadino austriaco attivista per i diritti della privacy, dopo il Datagate, lo scandalo delle intercettazioni illegali da parte dei servizi segreti americani che aveva rivelato lo spionaggio di diversi leader europei.

Le conseguenze della sentenza sono importanti e coinvolgono giganti di Internet come Facebook e Google, che ora potrebbero essere costretti a sottoporsi allo scrutinio delle autorità di regolamentazione della privacy di ogni Stato membro della Ue e obbligati a immagazzinare i dati in Europa. Questo potrebbe tradursi in un vero e proprio labirinto burocratico perché le società americane dovranno seguire oltre 20 diverse regole nazionali di tutela della privacy.

La Corte ha fatto presente che negli Usa le esigenze della sicurezza nazionale prevalgono «sul regime dell’approdo sicuro» per i dati privati dei cittadini europei. Per questo i colossi del web sono obbligati a derogare «senza limiti, alle norme di tutela previste» con il rischio di «ingerenze da parte delle autorità pubbliche americane nei diritti fondamentali delle persone».

Per la Corte di Lussemburgo, «una normativa che consenta alle autorità pubbliche di accedere in maniera generalizzata al contenuto di comunicazioni elettroniche deve essere considerata lesiva del contenuto essenziale del diritto fondamentale al rispetto della vita privata».

Facebook raccoglie i dati dei suoi utenti europei in un server che ha base in Irlanda e poi li trasferisce negli Stati Uniti. Con questa sentenza, la Corte Ue ha rimesso alle autorità di controllo di Dublino di «esaminare la denuncia» del cittadino austriaco e di valutare se sia necessario «sospendere il trasferimento dei dati degli iscritti europei verso gli Stati Uniti, poiché gli Usa non offrono un livello di protezione adeguato dei dati personali».

«Questo è una cattiva notizia per il commercio tra Usa e Stati Uniti», ha dichiarato Richard Cumbley, Global Head di tecnologia, media e telecomunicazioni presso studio legale Linklaters. «Senza Safe Harbor, le imprese saranno chiamate a trovare accordi».

Questa decisione potrebbe segnare la fine del Safe Harbor, l’intesa sottoscritta nel 2000 dai due blocchi per regolamentare il trasferimento di dati sui due lati dell’Atlantico. E quindi per aiutare le aziende a condurre affari.

La causa muove dalla denuncia di uno studente di legge austriaco Max Schrems per cercare di fermare i trasferimenti di dati verso gli Stati Uniti. Secondo la denuncia di Schrems, alla luce delle rivelazioni di Snowden sullo spionaggio effettuato dall’Nsa, le leggi americane non offrirebbero alcuna reale protezione contro il controllo da parte del Governo Usa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...