Nuove disposizioni in materia di call center: le FAQ del Mise e i Modelli da utilizzare

sfondo_call_center6Nuove disposizioni normative sulle attività di call center: sono riportate di seguito una serie di risposte alle richieste di chiarimenti che sono state poste o che potrebbero essere poste più frequentemente (FAQ), basate sulle interpretazioni attualmente condivise con gli altri soggetti istituzionali richiamati dalla norma.

In chiusura del post sono riportati i Modelli da utilizzare per la comunicazione al Mise.

Nuove disposizioni normative sulle attività di call center
Articolo 1, comma 243, della legge n. 232 del 2016 (c.d. legge di bilancio)
che sostituisce l’art. 24-bis, D.L. 22/06/2012, n. 83 convertito con modificazioni dalla legge 07/08/2012, n. 134/2012

Chi sono i soggetti tenuti agli obblighi di comunicazione nei confronti del Ministero dello sviluppo economico sulla base dalle nuove disposizioni normative?

Qualunque operatore economico che decida di localizzare o abbia localizzato, anche mediante affidamento a terzi, l’attività di call center fuori dal territorio nazionale in un Paese non membro dell’Unione europea.

Quali elementi informativi deve contenere la comunicazione al Ministero dello sviluppo economico?

La specifica comunicazione da effettuare al Ministero dello sviluppo economico da parte dell’operatore economico che localizza o abbia localizzato, anche mediante affidamento a terzi, l’attività di call center fuori dal territorio nazionale in un Paese extra UE deve contenere le numerazioni telefoniche messe a disposizione del pubblico ed i corrispettivi Paesi in cui sono localizzate.

Le numerazioni oggetto di obbligo di comunicazione al Ministero dello sviluppo economico includono anche il tradotto geografico internazionale?

Si, per ciascuna numerazione telefonica messa a disposizione del pubblico e utilizzata per i servizi delocalizzati occorre inserire anche il tradotto geografico internazionale.

Cosa si intende per “operatore economico”?

La nozione di operatore economico richiamata dalla normativa è coerentemente riferibile alla definizione riportata all’art.3, comma 1, lett. p) del Decreto Legislativo n.50/2016 (Codice dei contratti pubblici), ovvero sono operatori economici coloro che offrono beni e servizi sul mercato a prescindere dalla forma giuridica di riferimento. Pertanto sono esclusi dalla definizione le pubbliche amministrazioni nell’assolvimento dei loro compiti istituzionali nonché tutti i soggetti di qualsiasi natura nello svolgimento di un’attività che non sia correlata, direttamente o indirettamente, ad uno scopo di lucro.

L’ambito di applicazione della norma può ritenersi ancora limitato alle sole aziende che svolgono in via assolutamente prevalente attività di call center?

No, l’ambito di applicazione soggettivo dell’art. 24 bis, è riferibile all’operatore economico, indipendentemente dal numero di dipendenti occupati, che svolge attività di call center utilizzando numerazioni telefoniche messe a disposizione del pubblico, a prescindere dalla prevalenza o meno dell’attività di call center rispetto al resto della propria attività.

L’operatore economico che affida parzialmente o totalmente a terzi l’attività di call center è soggetto all’obbligo di comunicazione nei confronti del Ministero dello sviluppo economico?

Si, è soggetto alle prescrizioni di legge l’operatore economico che svolge servizi di call center tanto tramite una struttura interna all’azienda quanto in outsourcing. Nel caso di affidamento a terzi dei servizi di call center, la norma ha esplicitamente previsto una responsabilità solidale tra committente e gestore del call center.

L’operatore economico che svolge attività di call center attraverso società controllata facente parte del Gruppo societario è soggetto agli obblighi di legge?

Si, dalla normativa emerge la responsabilità dell’operatore economico sia che svolga esso stesso l’attività sia che si avvalga di servizi di call center esterno

L’operatore economico straniero che svolge un servizio di call center ubicato in un Paese extra UE, pur avendo un diverso core business, è soggetto agli obblighi di legge?

Si, sono soggetti agli adempimenti di legge anche gli operatori economici stranieri che svolgono essi stessi o si avvalgono di servizi di call center su numerazioni nazionali geografiche (qualsiasi numero del piano nazionale di numerazione per cui alcune cifre fungono da indicativo geografico e sono utilizzate per instradare le chiamate e le terminazioni di rete) e non geografiche (qualsiasi numero del piano nazionale di numerazione che non sia geografico ad esempio i numeri per servizi di comunicazione mobili e personali, i numeri di chiamata gratuita e i numeri a tariffazione specifica).

Cosa si intende per “attività di call center”?

Per l’individuazione di tale attività si dovrà fare riferimento alla definizione di call center contenuta nell’art. 1, lett. d) della Delibera n. 79/09/CSP dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, per il quale esso è un insieme di risorse umane e di infrastrutture specializzate che consente contatti e comunicazioni multicanale con gli utenti (attraverso più mezzi, per esempio telefonia, internet, posta). Tale attività ricade nell’ambito applicativo dell’art. 24 bis sia ove realizzata tramite strutture interne sia quando viene affidata in outsourcing, purché si utilizzino numerazioni telefoniche messe a disposizione del pubblico.

Le prescrizioni di legge si applicano sia alle attività di call center inbound che outbound?

Si, gli obblighi di legge si applicano in riferimento ai servizi di call center e relative numerazioni a prescindere dalla tipologia di svolgimento dell’attività (sia in entrata che in uscita, inbound/outbound).

L’informazione preliminare in merito al Paese in cui è fisicamente collocato l’operatore che risponde è dovuta anche nel caso in cui l’operatore è ubicato in Italia o in un Paese UE?

Si, l’obbligo informativo relativo al Paese in cui l’operatore con cui si parla è fisicamente collocato prescinde dalla localizzazione ed è applicabile anche agli operatori ubicati in Italia o in un Paese UE.

L’obbligo di informazione preliminare deve riguardare necessariamente la località in cui l’operatore è fisicamente collocato?

No, è sufficiente fornire l’informazione del Paese in cui è ubicato l’operatore del call center.

L’obbligo di informazione preliminare sulla localizzazione del call center si intende assolto anche attraverso ricorso al sistema di Interactive Voice Response (IVR)?

Si, è possibile adempiere all’obbligo di legge tramite il sistema IVR e tramite operatore.

L’obbligo di informazione preliminare, qualora l’operatore è ubicato in un Paese extra UE, circa la possibilità di richiedere che il servizio sia reso da un operatore collocato nel territorio nazionale o in un Paese UE e l’immediato trasferimento della chiamata a seguito di specifica richiesta si intendono assolti anche attraverso ricorso al sistema di Interactive Voice Response (IVR)?

Si, è possibile adempiere agli obblighi di legge tramite il sistema IVR e tramite operatore.

logo_mise_400

 

I Modelli per adempiere agli obblighi di comunicazione nei confronti del Ministero dello sviluppo economico.

Di seguito i due modelli (il cui contenuto è aggiornato rispetto a quello già reso disponibile in passato in uno al menzionato provvedimento del 10 ottobre 2013, n. 444) volti ad agevolare l’assolvimento degli obblighi comunicativi diretti all’Autorità, utilizzabili dagli operatori economici cui facciano capo le localizzazioni in Paesi terzi dell’attività di call center (inbound e outbound):

  1. un primo modello potrà essere utilizzato, ai sensi dell’art. 24-bis, comma 2, lett. c), da parte degli operatori economici che intendono localizzare l’attività di call center in Paesi terzi in tempi successivi all’entrata in vigore della nuova disciplina.

A tal proposito va rammentato che in caso di omessa o tardiva comunicazione dei dati richiesti dalla legge si applica la sanzione amministrativa pecuniaria pari a 150.000 euro per ciascuna comunicazione omessa o tardiva (art. 24-bis, comma 7, d.l. n. 83/2012).

  1. un secondo modello potrà invece essere utilizzato, ai sensi dell’art. 24-bis, comma 3, per gli operatori che abbiano localizzato  l’attività di call center in Paesi terzi anteriormente all’entrata in vigore della nuova disciplina.

A tal proposito va rammentato che in caso di omessa o tardiva comunicazione dei dati richiesti dalla legge si applica la sanzione amministrativa pecuniaria pari a 10.000 euro per ciascun giorno di ritardo (art. 24-bis, comma 3, d.l. n. 83/2012).

Energia e gas, servizi on line: no al consenso “obbligato” per il marketing

imagesI clienti che desiderano usufruire dei servizi on line offerti da un’impresa, come quelli di fatturazione, non devono essere obbligati a rilasciare il consenso a ricevere comunicazioni promozionali.

Questa la decisione assunta dal Garante della privacy per tutelare da promozioni indesiderate gli utenti dello sportello on line di un fornitore di servizi energetici [doc. web n. 5687770].

Dagli accertamenti dell’Autorità, avviati in seguito ad alcune segnalazioni ricevute, è emerso che la società aveva offerto alla propria clientela la possibilità di gestire la scheda anagrafica, i consumi e le fatture direttamente sul sito web. Per usufruire di tali servizi, però, i clienti dovevano completare una procedura di registrazione dove erano costretti a barrare un’unica casella per concedere un consenso onnicomprensivo al trattamento dei loro dati personali sia per le finalità legate alla gestione del contratto, sia per la ricezione di messaggi di posta elettronica contenenti pubblicità o altro materiale promozionale. Una modalità che, in concreto, violava il principio, più volte rimarcato dal Garante, in base al quale il consenso, per essere ritenuto valido, non deve essere condizionato, ma libero, specifico e informato.

Nel corso dell’istruttoria, inoltre, il Garante ha rilevato che il ramo aziendale di fornitura del gas era stato acquisito da un’altra società, che non aveva provveduto, come previsto dalla normativa, a inviare ai nuovi clienti l’informativa relativa al trattamento dei dati personali.

L’Autorità ha quindi:

  • vietato al primo operatore energetico, che aveva predisposto lo sportello per i servizi on line, di utilizzare per finalità di marketing i dati personali di cui era ancora in possesso in assenza di un valido consenso e
  • prescritto alla società acquirente del ramo gas di provvedere quanto prima a informare i clienti sulle modalità di trattamento dei loro dati. 

Il Garante si è riservato di verificare, con autonomi procedimenti, la sussistenza dei presupposti per contestare le sanzioni amministrative per le violazioni commesse.

Tlc, no alla pesca a strascico sul web per formare gli elenchi telefonici

DatabaseIl Garante blocca un sito che trattava in modo illecito i dati di oltre 12 milioni di persone: no ai software che “pescano” on line in maniera sistematica e indiscriminata dati e informazioni per realizzare elenchi telefonici.

Le società che intendono costituire questo tipo di pubblicazione, cartacea o on line, devono utilizzare il data base unico (dbu), l’archivio elettronico che raccoglie  numeri di telefono e altri dati dei clienti di tutti gli operatori nazionali di telefonia fissa e mobile.

In alternativa,  devono acquisire il consenso libero, informato, specifico per ogni finalità che si intende perseguire (come la consultazione on line dell’elenco o la “ricerca inversa” delle generalità di un abbonato attraverso il numero di telefono).

 
Questi principi sono stati ribaditi dal Garante privacy che ha dichiarato illecito e ha vietato ad una società la formazione e la diffusione on line di un elenco telefonico contenente dati di oltre 12.500.000 persone non raccolti dal dbu ma da altri siti web (mediante web scraping) senza il consenso degli utenti. I dati trattati in modo illecito dovranno essere cancellati dalla società.
 
Le numerose segnalazioni pervenute all’Autorità lamentavano la diffusione sul sito della società di un elenco telefonico on line contenente vari dati personali (nome e cognome, indirizzo, recapito telefonico, a volte anche utenze riservate, numero di cellulare o indirizzo email) raccolti senza consenso. Alcuni segnalanti, inoltre, associavano la ricezione di telefonate promozionali indesiderate alla messa a disposizione dei propri dati sul sito. Dagli accertamenti effettuati è emerso che la società gestiva un sito in cui aggregava e rendeva disponibili i numeri di telefonia fissa e altri dati personali raccolti in maniera automatica e sistematica attraverso script  lanciati direttamente sulle fonti web acquisendone i contenuti (web scraping).
Gli script, come affermato dalla società, erano impostati in modo tale da raccogliere qualsiasi informazione pubblicata su fonti web accessibili a tutti, per poi metterla a disposizione degli utenti del sito della società.
 
Nel disporre il divieto il Garante ha riaffermato le regole sulla formazione degli elenchi telefonici  e ha ritenuto la pubblicazione on line di un elenco telefonico non tratto dal dbu e senza il consenso degli interessati un trattamento particolarmente invasivo per l’agevole reperibilità dei dati anche mediante i più comuni motori di ricerca e per la possibilità che essi possano essere utilizzati anche per ulteriori trattamenti (ad es. marketing indesiderato).
 
L’Autorità sta valutando l’applicazione di una sanzione amministrativa per gli illeciti commessi dalla società.

Web e privacy, dal 2 giugno nuove regole per i cookie

Un italiano su tre non legge le normative sulla privacy quando utilizza un servizio online, ritenendole troppo lunghe e complicate. Eppure, quello che esce dall’indagine Doxa Marketing Advice, svolta su un campione di 800 persone e commissionata dalle associazioni di categoria, è il ritratto di un cyberpopolo, quello italiano, sensibile al tema della privacy e più che sufficientemente attento.

Antonello Soro, Presidente dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, ha pensato il Provvedimento per l’“individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie” (229/2014) che entrerà in vigore il 2 giugno prossimo e che gode del pieno appoggio delle maggiori associazioni quali DMA Italia, Fedoweb, IAB Italia, UPA e Netcomm che hanno elaborato un prontuario su tutto quanto occorre sapere circa gli obblighi dei proprietari o amministratori di siti web e circa i cookies, suddivisi:

  • in “tecnici” e
  • “non tecnici”, ovvero quelli di profilazione pubblicitaria, di statistica o relativi alle interazioni con i social network.

Questo documento mette in condizione gli utenti di essere informati in modo chiaro e trasparente sulle caratteristiche e gli scopi dei cookie rilasciando così le necessarie autorizzazioni in modo più preciso e consapevole.

«La vera sfida di oggi è quella di rendere concreti i principi di protezione dei dati – ha chiosato il Garante per la Privacy Antonello Soro – effettiva la trasparenza dei trattamenti e agevole l’esercizio dei diritti degli utenti». Quello della privacy è un problema che gli italiani avvertono e che riescono a categorizzare per lo meno a grandi linee: dall’indagine emerge che gli ambiti in cui esigono la maggiore riservatezza sono quelli del denaro (transazioni online ed ebanking), della famiglia e della salute.

Il prontuario è utile sia per gli utenti sia per gli operatori attivi nei comparti a grande tasso di crescita quali l’online advertising che nel 2014 ha generato una cifra d’affari di due miliardi di euro con una crescita del 12,7% rispetto al 2013 e l’ecommerce che, secondo le previsioni, durante l’anno in corso sfonderà il tetto dei 15 miliardi di fatturato con una crescita del 15% rispetto al 2014, anno durante il quale un italiano su quattro ha acquistato online.

Il 41% degli utenti si dice molto attento alla privacy online, contro il 32% che dice di avere particolarmente a cuore la riservatezza anche nelle attività offline. Coloro che dichiarano un’attenzione pronunciata alla privacy appaiono più prudenti in senso generale (quindi anche offline) piuttosto che online (45% contro il 37%) mentre il 10% si dichiara noncurante in tutti e due gli insiemi. Anche in materia di consensi siamo ben preparati: il 64% degli utenti sa di potere richiedere ad un’azienda di visionare i dati che li riguardano (il 7% ne ha fatto richiesta) e il 72% è conscio di poterne ottenere la cancellazione (il 27% ha fatto uso di questa possibilità).

Molto interessante, in materia di condivisione dei dati personali, il grado di comprensione generale secondo cui, nell’era di internet, il concetto di privacy sta vivendo una continua trasmutazione, opinione che vede d’accordo 72 intervistati su 100.
Il riassunto che il Garante ha rilasciato a Il Sole 24 Ore.com valuta «il provvedimento sui cookies facilitativo per le imprese e per i cittadini, ed è l’applicazione di una legge già esistente. Abbiamo convenuto con gli operatori una modalità per il rispetto delle norme e abbiamo approntato un sistema di verifica».
5 maggio 2015

Stop al marketing invasivo, offerte a prova di privacy

mail contactMarketing 2.0: dal Far west a strategie commerciali «privacy compatibili»

  • Fonte:  Italia Oggi, 11 maggio 2015 – IusLetter
  • di Antonio Ciccia

Anche in questo caso ce lo chiede l’Europa. L’attività di trattamento dei dati personali del cliente, in un quadro di concorrenza regolata, deve rispettare i paletti della normativa sulla protezione dei dati personali, messi in fila dal garante con un vademecum ad hoc sul «marketing a prova di privacy» elaborato a fine aprile.

Sono paletti che attanagliano le imprese nel mercato globale e nella crisi economica o sono strumenti per selezionare la qualità dell’imprenditore?

L’ottica aziendale deve comunque fare i conti con la disciplina legale, che si basa su due capisaldi: la trasparenza e il consenso. Al cliente non bisogna nascondere che uso si fa delle informazioni che lo riguardano e il cliente deve dare il suo benestare alla circolazione dei suoi dati. Le due prescrizioni sono del tutto in linea (e anche ripetitive) dello schema della tutela del mercato attraverso la tutela del consumatore. Se tutte le imprese devono rispettare il consumatore, allora tutte concorrono sullo stesso piano. E non c’è un doping da cattiva data protection.

L’azienda, però, deve essere consapevole che il cliente, se lo vuole e se ha il tempo di farlo, può chiedere aiuto come utente esasperato dalle telefonate indesiderate e deve acconsentire ad essere monitorato nelle sue abitudini online.
Insomma, la politica di sviluppo aziendale deve fare i conti con la concreta possibilità che una promozione commerciale si trasformi in un boomerang per l’immagine di un’impresa.
A illustrare nel dettaglio tutti questi aspetti è il citato vademecum a cui, in tema di marketing e privacy, si sono aggiunte, nei giorni scorsi, le linee guida sulla profilazione online e il provvedimento sui cookies: una triade di interventi che il responsabile commerciale di una azienda deve conoscere a menadito.

Aziende in regola con la privacy

L’azienda deve partire dalla necessità di informare specificamente il cliente, i quale deve dare un consenso specifico e distinto per le varie finalità: uno per il marketing, uno per la profilazione o per la comunicazione dei dati ad altri soggetti.
Peraltro non serve il consenso per soddisfare la richiesta di un cliente, come le verifiche funzionali all’erogazione di servizi, ma non va bene un modulo per l’ordine di un prodotto con la casella per il consenso già contrassegnata.
Il vademecum ricorda anche alcuni tentativi di semplificazione operativa: ad esempio il consenso prestato per la ricezione di comunicazioni commerciali tramite modalità automatizzate (fax, sms, e-mail, mms, telefonate preregistrate) si estende anche alla posta cartacea e alle chiamate tramite operatore.
Quindi un consenso prestato per le operazioni di marketing più invasive vale anche per quelle di impatto inferiore.
È questa la ragione per cui non vale il contrario: se ho chiesto il consenso per il marketing cartaceo non posso, poi, fare chiamate telefoniche automatizzate.

Soft spam e ricerca di nuovi clienti

Il marketing ha un percorso preferenziale con i propri clienti.
Si parla di soft spam: non serve il consenso per inviare offerte promozionali, via posta tradizionale o e-mail, relative a prodotti o servizi analoghi a quelli forniti in precedenza.
Certo il marketing non serve solo a mantenere i clienti acquisiti, ma a cercarne di nuovi.
Una strada è quella di contattare le persone non iscritte nel registro pubblico delle opposizioni per chiedere il consenso a ricevere comunicazioni promozionali anche via e-mail o con altri mezzi automatizzati.
Si sfrutta il canale telefonico (basato sul principio per cui chi non dissente accetta di ricevere la chiamata), per acquisire il consenso a forme di marketing di marketing più raffinato.
Che le esigenze aziendali coincidano con la tutela del consumatore interessato è l’obiettivo del responsabile privacy aziendale, come per il responsabile per la sicurezza (quanto alla tutela dell’incolumità dei dipendenti) o della sicurezza del prodotto (per la incolumità del cliente).

Il presidente del garante privacy, Antonello Soro, ha dichiarato:

«Il rispetto del consumatore e il corretto uso dei suoi dati personali, a partire da quelli necessari per contattarlo fino alle informazioni più private, come gusti e preferenze, differenziano le imprese che vedono i propri clienti come semplice «preda», da quelle che scelgono di operare in modo trasparente, ponendo al centro della loro attività, oltre che la qualità dei prodotti e servizi offerti, anche e soprattutto la fiducia dei propri acquirenti».

Prestiti, preventivi on line: maggiore rispetto per i consumatori in difficoltà

soldil Garante vieta l’uso dei dati senza consenso per finalità di marketing: le aziende che offrono servizi di preventivi on line per l’accesso al credito devono rispettare le regole a protezione dei dati personali e non possono “sfruttare” a fini di marketing  la debolezza dei consumatori nel delicato momento della ricerca di possibili fonti di finanziamento (prestiti personali, cessioni del quinto, consolidamento di debiti). Tanto più tenuto conto dell’attuale situazione di crisi economica.
 
È il principio che emerge da un provvedimento del Garante privacy [doc. web n. 3568046] che ha vietato ad una società di intermediazione on line l’utilizzo dei dati personali degli utenti a fini di marketing senza un loro consenso specifico al trattamento.
L’intervento del Garante si è reso necessario per tutelare i numerosi consumatori che si rivolgono ai fornitori di servizi che fanno da tramite tra gli utenti e gli intermediari abilitati, come le banche o le società finanziarie: si pensi, infatti, che questi fornitori ricevono ogni giorno centinaia di richieste di preventivi.
 
L’Autorità, intervenuta in occasione di una segnalazione in cui si lamentava la ricezione di comunicazioni promozionali indesiderate, ha accertato che la società sottoponeva agli utenti un modello di richiesta di consenso unico, peraltro già pre-compilato nella casella relativa all’assenso, sia per la fornitura del servizio richiesto, sia per finalità diverse, quali l’invio di informazioni commerciali e la fidelizzazione del cliente.
Il Codice Privacy stabilisce invece che gli interessati devono essere messi in grado di esprimere consapevolmente e liberamente le proprie scelte, manifestando un consenso specifico al trattamento per ciascuna distinta finalità perseguita dal titolare del trattamento.
 
Oltre al provvedimento di divieto, l’Autorità ha prescritto alla società di modificare e integrare l’informativa presente sul sito, avvisando chiaramente gli utenti riguardo:
  • a tutti i possibili trattamenti di dati effettuati,
  • alle modalità con cui eventualmente intenda in futuro effettuare l’attività promozionale per conto proprio o di soggetti terzi e anche all’eventuale comunicazione ad altri soggetti.

Infine, qualora la società intendesse continuare a raccogliere dati personali per finalità diverse da quella di erogazione del servizio, dovrà acquisire un consenso specifico per ciascuna finalità.

Niente spam per gli iscritti alla newsletter

Anti-spamIllecito il comportamento di una società che inviava email promozionali senza consenso 

Un cittadino che compila un form on line per ricevere una newsletter deve poter decidere, liberamente e consapevolmente, se dire sì o no alle comunicazioni promozionali, alla profilazione, all’invio dei suoi dati ad altre società e, in generale, a tutti i tipi di trattamenti che vanno al di là del servizio richiesto.

La registrazione alla newsletter, inoltre, non può essere condizionata al rilascio del consenso anche per altre finalità.

Il principio è stato ribadito dal Garante privacy che ha vietato l’uso dei dati a fini commerciali ad una società che inviava e-mail promozionali senza consenso agli utenti registrati a un servizio di newsletter.

Ora la società, destinataria del  provvedimento inibitorio dell’Autorità, potrà utilizzare i dati fin qui raccolti solo per inviare la newsletter. Se vorrà inviare email promozionali dovrà mettersi in regola con  il Codice della privacy, modificando il form di registrazione in modo da consentire agli utenti la possibilità di esprimere, un preventivo consenso “ad hoc” per la ricezione di email promozionali.

Dagli accertamenti svolti dall’Ufficio del Garante su segnalazione di un cittadino che lamentava la ricezione di pubblicità indesiderata, è emerso infatti che per iscriversi la newsletter l’utente, al momento di inserire nel form on line l’indirizzo email, poteva esprimere solo un generico, onnicomprensivo consenso al “trattamento dei dati personali”.

L’accesso al servizio era, peraltro, condizionato alla manifestazione di tale generico consenso. Il comportamento della società è stato dichiarato illecito dal Garante perché i trattamenti di dati per fini commerciali esulano da quelli necessari per adempiere al contratto di fornitura di un servizio.

L’Autorità sta valutando, con separato provvedimento, l’applicazione della sanzione amministrava per l’illecito commesso